Dedico la mia vita allo studio per migliorare la sicurezza di tutti, per capire, in sintonia con la natura, quali sono i limiti dell'uomo. Per conoscerli e superarli.

Patrick De Gayardo

Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Home Il mondo della naturopatia L'Ayurveda da Il Tocco di Melitea
L'Ayurveda da Il Tocco di Melitea PDF Stampa E-mail

L’Ayurveda è il più antico sistema per la cura e il benessere naturale del corpo e della mente. Grazie a Maharishi e alla scienza moderna, l’Ayurveda sta dimostrando tutta la sua attualità e scientificità. I suoi principi fondamentali e la sua validità sono infatti in accordo con le teorie della fisica moderna e sono studiati approfonditamente dalle scienze biologiche moderne.

Dall’antica conoscenza dell’Ayurveda deriva così il sistema noto oggi come Maharishi Ayurveda, il quale coniuga i valori più puri ed originali della tradizione antica con la moderna visione scientifica del corpo e dei suoi processi.

La Maharishi Ayurveda, con le sue strategie olistiche ed integrate, aiuta a preservare e a ristabilire quella condizione di equilibrio sia fisico che mentale associate allo stato di benessere e di salute.

La  Maharishi Ayurveda, insieme con lo Sthapatya Veda Maharishi (l’architettura Vedica), il Jyotish Maharishi (l’astrologia Vedica) e la tecnica della Meditazione Trascendentale e delle Sidhi della MT, costituiscono l’approccio vedico alla salute di Maharishi, il sistema più integrato, completo, olistico e naturale per il benessere dell’individuo. Secondo l’approccio vedico alla salute di Maharishi questi quattro aspetti rappresentano la base fondamentale per poter mantenere la salute.

Un aspetto importante della Maharishi Ayurveda è quello che sostiene che l’Ayurveda, così come viene praticato oggi in India, è assolutamente parziale ed incompleto perché non considera la vera base dell’Ayus o vita, e cioè il Veda, la coscienza, il motore primo della vita, il costituente basilare. È un po’ come cercare di curare la pianta senza considerare il valore della linfa. Ogni serio tentativo sarà vano perché è la linfa la vita stessa, la base della pianta. È la coscienza la linfa della vita, la base della salute. Per questo motivo i sistemi per la cura e il benessere psicofisico sono poco efficaci senza una tecnica, la Meditazione Trascendentale, che serve a far crescere ed espandere la nostra consapevolezza.

L’Ayurveda è un sistema di cura olistico, che considera cioè lo spirito o coscienza, la mente, il corpo e l’ambiente fuori di noi come un tutt’uno: per questo motivo, per ritrovare il benessere e la salute, non è possibile curare soltanto una parte (per esempio il corpo) perché non si potrebbero raggiungere i risultati sperati. Perché ci sia la salute, o meglio l’equilibro delle diverse forze, dei principi metabolici fondamentali che compongono l’organismo umano, come vedremo tra poco, bisogna coinvolgere in questo processo anche la mente e la coscienza.

La comunità scientifica internazionale ha oggi nei confronti della Maharishi Ayurveda significative attenzioni. La MAHARISHI AYURVEDA è, infatti, motivo di studio e di ricerca approfonditi grazie alla sua efficacia.

Tra gli approcci della Maharishi Ayurveda sono inclusi:

  1. un programma nutrizionale specifico per ogni tipo di costituzione;
  2. specifiche tecniche per ridurre lo stress e consigli per uno stile di vita equilibrato e naturale;
  3. oli aromatici;
  4. la routine giornaliera e stagionale;
  5. codici di comportamento;
  6. esercizi respiratori e fisici;
  7. l’utilizzo di rasayana;
  8. il panchakarma;
  9. la musicoterapia o Gandharva Veda;
  10. l’uso di integratori alimentari a base di erbe.

È grazie alle famiglie dei Vaidya (medici ayurvedici indiani) che hanno preservato e tramandato fedelmente le formulazioni dei preparati ayurvedici e grazie alla profonda conoscenza contenuta negli antichi testi Vedici che la Maharishi Ayurveda dispone oggi di tutte quelle informazioni che consentono di confezionare preparati che non si discostano dalle lunghissime e raffinatissime metodologie tradizionali mantenendone la purezza e l’originalità.

L’equilibrio è la chiave per una buona salute.

Il fatto che ogni individuo sia differente dagli altri è uno degli aspetti fondamentali della diagnostica e del trattamento della Maharishi Ayurveda.

È certo ovvio che ogni individuo è un’unità irripetibile ed unica in natura e differente dagli altri. La conoscenza contenuta nei testi dell'Ayurveda ci spiega "il perché" di questa differenza. Essa viene chiamata costituzione individuale. Se riuscissimo a conoscere la costituzione individuale specifica, o tipo di costituzione psico-fisica, potremmo allora capire ed apprezzare tali differenze e scoprire quale dieta, esercizio fisico, stile di vita, etc., siano i più adatti ad ogni persona.

Secondo la visione dell’Ayurveda le molteplici funzioni del corpo, dalle più grossolane alle più sottili, sono governate da tre principi metabolici fondamentali chiamati Dosha: Dosha Vata, Dosha Pitta e Dosha Kapha.

Secondo la Maharishi Ayurveda per raggiungere una salute ideale è indispensabile creare equilibrio tra queste tre funzioni o dosha, cioè creare e mantenere l’equilibrio della propria costituzione.

Mantenere l'equilibrio della propria costituzione significa mantenere la giusta proporzione e il giusto rapporto tra i tre principi fisiologici basilari Vata, Pitta e Kapha. Questi principi possiedono speciali qualità e controllano specifiche funzioni nella fisiologia. Qui di seguito ne elenchiamo solo alcune importanti:

  • Vata è leggero, instabile, freddo, secco, mobile. Vata rappresenta il principio del movimento e dell’attivazione. Controlla tutte le funzioni del sistema nervoso e presiede alle funzioni del sistema respiratorio e circolatorio, dell’apparato di locomozione e degli organi escretori.
  • Pitta è caldo, leggero, acuto, leggermente maleodorante. Pitta rappresenta il principio della digestione e del metabolismo, della trasformazione e della produzione di energia e calore. Controlla le funzioni digestive e metaboliche attraverso il meccanismo della regolazione ormonale.
  • Kapha è pesante, stabile, unto, lento. Kapha rappresenta il principio della coesione e della struttura. Preserva l’integrità dei tessuti e dell’organismo nella sua totalità mediante il controllo delle funzioni immunitarie. Governa l’equilibrio dei fluidi a livello cellulare e tessutale, promuove la crescita bilanciata del corpo.

Ogni persona, a causa di fattori genetici, della dieta della madre durante la gravidanza, etc., nasce già con una specifica proporzione di questi tre principi. Se per esempio il dosha Vata è dominante rispetto agli altri, diremmo allora che questa persona è di costituzione Vata. Se tutti e tre i dosha sono ben rappresentati ed espressi, allora questa persona sarà di costituzione tridosha, la costituzione che garantisce una vita naturalmente più sana di qualsiasi altra perché appunto i dosha sono in equilibrio fin dalla nascita. La sostanza di tutto questo è di sapere che al fine di mantenere la salute o di rafforzarla, ogni costituzione va preservata nel suo unico e speciale equilibrio.

Lo scopo della Maharishi Ayurveda, insieme all’approccio vedico alla salute di Maharishi, è di fornire tutta la conoscenza pratica necessaria per ristabilire o per mantenere il perfetto equilibrio dei dosha della mente e di quelli del corpo. Infatti l’interazione equilibrata dei tre dosha consente il funzionamento integrato e sano di tutti gli organi del corpo; al contrario, la condizione di squilibrio, anche di un solo dosha, rappresenta il seme di ogni problema futuro.

I testi ayurvedici classici affermano: "I tre dosha, quando sono in equilibrio, sostengono il corpo e quando sono in squilibrio causano ogni sorta di malanno”.

Quando la costituzione psico-fisica è in equilibrio, ossia quando i dosha sono in equilibrio, esprime il meglio delle sue potenzialità. Di seguito sono indicate alcune caratteristiche dei principali tipi costituzionali in equilibrio ed in squilibrio:

  • Vata in equilibrio: vigile, svelto, creativo, dinamico, magro e leggero. In squilibrio: tende a preoccuparsi, è distratto ed è sensibile al freddo.
  • Pitta in equilibrio: intelligenza acuta, fiducioso in se stesso, ha buona digestione. In squilibrio: facile ad arrabbiarsi, critico e troppo coinvolto.
  • Kapha in equilibrio: calmo, stabile, forte ed affettuoso. In squilibrio: apatico, possessivo, tende ad ingrassare.

Molti fattori influenzano i DOSHA come: l’alimentazione, il lavoro, la routine giornaliera, l’ambiente, le stagioni, lo stress e tutte le influenze che assimiliamo giorno dopo giorno.

Per equilibrare i Dosha si possono assumere degli accorgimenti come qualità opposte all’influenza disturbante. Vata per esempio è riequilibrato dal riposo, dalla regolarità, dal calore e dal massaggio caldo di olio. Pitta dal fresco, dalla tranquillità, evitando spezie e alcool. Per Kapha è necessario il caldo, il piccante , l’attività e l’esercizio fisico.

Equilibrio significa la giusta proporzione dei tre principi fisiologici basilari a seconda della propria costituzione”.

Per mantenere in equilibrio i Dosha in modo duraturo la Maharishi Ayurveda raccomanda un’alimentazione individuale appropriata, una regolare routine, rasayana e preparazioni ayurvediche  specifiche, esercizi fisici e respiratori, e la pratica della Meditazione Trascendentale, una tecnica mentale, semplice e senza forzo per sviluppare il pieno potenziale della mente e del corpo.

È comunque preferibile consultare un medico che abbia studiato la Maharishi Ayurveda per avere istruzioni più precise, esaurienti e complete; il medico darà anche una prescrizione più curata dei numerosissimi preparati della Maharishi Ayurveda qui non elencati.

 
Copyright © 2012 Il Tocco di Melitea - Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica. Tutti i diritti riservati.
ACSD "Il Tocco di Melitea" - via Jannozzi, 40, San Donato Mil.se (MI) - C.F. 97635900158 P.I. 08409400960